Edizioni Le farfalle


Vai ai contenuti

N'zuppilu n'zuppilu - Wet through - Giuseppe Condorelli

NOVITA

__________________________________________________________________________________________________________

N'zuppilu n'zuppilu - Wet through

(poesia)

__________________________________________________________________________________________________________




AUTORE: GIUSEPPE CONDORELLI

TRADUTTORI: MARISTELLA BONOMO e ANDREW BRAYLEY

GENERE: POESIA

COLLANA: VIOLA

PAGINE: 64

PREZZO: 10,00 €

ANNO DI PRIMA EDIZIONE: 2016

ISBN: 978-88-98039-24-1

COMPRA ONLINE

Premio Thesaurus

Menzione speciale sezione poesia edita "Albino Pierro"
a Giuseppe Condorelli per la raccolta
N'zuppilu n'zuppilu

Matera 12 novembre 2016

RECENSIONI
_________________________________


SiciliaJournal - 10 gennaio 2017
Recensione relativa al libro
N'zuppilu n'zuppilu - Wet through
di Giuseppe Condorelli

leggi...
_______________________________________________


Vivere (inserto de "La Sicilia) - 23 giugno 2016
Intervista-recensione di Domenco Trischitta relativa a libro
N'zuppilu n'zuppilu - Wet through
di Giuseppe Condorelli

leggi...
_______________________________________________




Critica letteraria - 9 giugno 2016
recensione di Pietro Russo relativa a libro
N'zuppilu n'zuppilu - Wet through
di Giuseppe Condorelli

leggi...
_______________________________________________




La Sicilia - 29 maggio 2016
Grazia Calanna recensisce
N'zuppilu n'zuppilu - Wet through
di Giuseppe Condorelli

leggi...
_______________________________________________

_________________________________________________________________________________________________________
RISVOLTO DI COPERTINA
_________________________________________________________________________________________________________

Sono sempre più rari i poeti capaci di usare il dialetto-lingua siciliana nella sua straordinaria bellezza di suoni e di significati. Questa silloge di Giuseppe Condorelli ci riporta nel mondo classico della sicilianità pura, quella della parola capace di trasmettere umori profondi e sentimenti senza compiacimenti di sorta. La poesia è insita nella forza della parola stessa specie quando, come in questo caso, il poeta mira a tradurre momenti esistenziali che razionalizza nel verso scarno e spesso dolente da cui sorge un vissuto che si universalizza nell'essenza stessa della poesia. Ciò che colpisce è il modo in cui Condorelli entra in quel clima di sogno e di realtà puntando dritto a quel pessimismo che non fa parte della realtà del nostro tempo, abbagliato da futili evanescenze.
Ci troviamo di fronte al poeta-uomo che attraverso un'attenta introspezione riesce a coinvolgerci fino al pathos, perché ogni testo di questa silloge entra dritto nell'animo.

Senzio Mazza

_________________________________________________________________________________________________________
BIOGRAFIA
_________________________________________________________________________________________________________

Giuseppe Condorelli insegna Lettere nella scuola superiore. Si occupa attivamente di poesia, critica letteraria e teatrale. Un suo testo per Marco Nereo Rotelli, è stato pubblicato ne "L'Isola della Poesia" (Convegno Edizioni Quaderni dell'Isola, 2003). Ha ideato e curato rassegne di incontri con l'autore e kermesse d'arte in collaborazione con la cattedra di Plastica Ornamentale dell'Accademia di BB. AA. di Catania e l'associazione culturale "Interminati spazi". Ha curato la sezione Poesia per il progetto "Castelmola Città degli Artisti". Nel 2008 ha pubblicato "Criterio del tempo" (I Quaderni del Battello Ebbro, Porretta Terme, Bologna). Nel 2011 due sue liriche sono state messe in musica da Mariano Deidda nel cd "Deidda canta Pavese". Nel 2013 ha curato per l'Almanacco Internazionale di Poesia edito da Raffaelli il "Quaderno" dedicato alla poesia oggi in Sicilia. Vive a Misterbianco (CT).


Menu di sezione:


Torna ai contenuti | Torna al menu