Edizioni Le farfalle


Vai ai contenuti

L'occhio di bronzo - T. Brancato - G. Frazzetto - P. Nifosi - A. Rocca

NOVITA

__________________________________________________________________________________________________________

L'occhio di bronzo
Rosario Frazzetto
nel centenario della nascita 1913 - 2013



(saggistica)

__________________________________________________________________________________________________________


AUTORE: T. BRANCATO - G. FRAZZETTO - P. NIFOSI' - A. ROCCA

GENERE: SAGGISTICA

COLLANA: TURCHESE

PAGINE: 48

PREZZO: 10,00 €

ANNO DI PRIMA EDIZIONE: 2013

ISBN: 978-88-98039-09-8

COMPRA ONLINE

RECENSIONI
_________________________________

_________________________________________________________________________________________________________
RISVOLTO DI COPERTINA
_________________________________________________________________________________________________________

La vicenda dello scultore Rosario Frazzetto (1913 – 1980) appare esemplare d’un certo modo novecentesco di rapportarsi all’arte: un atteggiamento dolente e pensoso, ma aperto all’ironia, consapevole del distacco fra la grande tradizione del ‘fare’ manuale e le istanze mutevoli della modernità.
I saggi qui riuniti, scritti in onore di Rosario Frazzetto nel centenario della sua nascita, delineano le motivazioni della sua poetica, analizzandone gli esiti e inquadrando allo stesso tempo la sua figura nell’ambito esistenziale e culturale d’una città, Catania, alla cui immagine lo scultore contribuì in molti modi, espliciti e segreti.

_________________________________________________________________________________________________________
BIOGRAFIA
_________________________________________________________________________________________________________

Cresciuto culturalmente nel circuito delle ‘botteghe’ scultoree catanesi degli inizi del ‘900, Rosario Frazzetto (1913 – 1980) si distinse subito per un suo modo di intendere l’arte, lontano dalle influenze novecentiste e martiniane allora imperanti, e piuttosto attratto da una scultura emotiva fin quasi a giungere ad atmosfere espressioniste, e ‘pittorica’ nel sapiente trattamento luministico delle superfici. Frazzetto coltivava l’etica del ‘fare’: pur consapevole del diffondersi della mentalizzazione avanguardista delle prassi artistiche, riteneva essenziale la manualità, l’attenzione all’effettivo produrre (nel suo caso spinta fino all’impegno personale nella fusione dei bronzetti). Di conseguenza la sua biografia di uomo schivo e sempre pronto all’umana comprensione si identifica con la sua attività di scultore e (negli ultimi anni) col suo magistero di scultore-insegnante amatissimo presso l’Accademia di Belle Arti di Catania.


Menu di sezione:


Torna ai contenuti | Torna al menu