Edizioni Le farfalle


Vai ai contenuti

La ballata di Till - Teresa Miccichè

NOVITA

__________________________________________________________________________________________________________

La ballata di Till
con una poesia inedita di Biagio Guerrera
e un'immagine inedita di Riccardo Cristina


(narrativa)

__________________________________________________________________________________________________________


AUTORE: TERESA MICCICHÈ

GENERE: NARRATIVA

COLLANA: ROSSA

PAGINE: 80

PREZZO: 12,00 €

ANNO DI PRIMA EDIZIONE: 2017

ISBN: 978-88-98039-37-1

ACQUISTA ONLINE

RECENSIONI
_________________________________


Scenario - 19 febbraio 2018
Recensione di Giuseppe Condorelli relativa al libro
La ballata di Till
di Teresa Miccichè

leggi...
_______________________________________________



La Sicilia - 16 febbraio 2018
Recensione di Giuseppe Condorelli relativa al libro
La ballata di Till
di Teresa Miccichè

leggi...
_______________________________________________



_________________________________________________________________________________________________________
RISVOLTO DI COPERTINA
_________________________________________________________________________________________________________

Se la memoria è una scheggia fissata nelle tenebre, Teresa Micciché, con ferma e tormentata emozione, su quel buio ha acceso un riflettore.
Così, alla luce, le ombre riacquistano una dimensione "mobile". E proprio attraverso questi movimenti Till prova a riconoscere la propria matrice e presumibilmente la propria identità.
Certamente a dettare questo testo, tanto intenso quanto impalpabile, non è il rimpianto o la rievocazione diaristica. Se una necessità emerge è quella dello scandaglio esistenziale: il destino che accomuna Dio, gli uomini, gli animali, gli alberi, ogni elemento dell'universo, è sortilegio che spiazza.
La ballata di Till ha un "ritornello" amaro: in queste pagine, che si snodano come un flashback, il tentativo è di ricomporre i fotogrammi di una "pellicola" che potremmo dichiarare infinita se a frantumare le sequenze non intervenissero altri strati di memoria. Affiora, perciò, il grumo dello sconfinamento, della disgregazione. Teresa Micciché riesce a tramutare questo smacco in poesia con un linguaggio soffice, permeato di metafore e stravolgimenti: Till è un titolo, un nome, un segno; ma vuole restare soprattutto un'orma scavata nel cielo.

Angelo Scandurra

_________________________________________________________________________________________________________
BIO-BIBLIOGRAFIA
_________________________________________________________________________________________________________

Teresa Micciché è nata e ha vissuto a Catania dove ha insegnato Lettere presso alcuni Istituti Superiori. Impegnata nel sociale, ha coltivato molteplici interessi, dalla musica, alla letteratura sino agli studi astrologici. La ballata di Till (1989) è stata la sua unica pubblicazione.


Menu di sezione:


Torna ai contenuti | Torna al menu